Metodo ARPA per parlare in pubblico interpretato da Douglas

Difficile avere un esempio così bello, sintetico e scolastico del metodo ARPA  per parlare in pubblico, come quello che compare in “Wall Street 2: il denaro non dorme mai“.

Per un maggior dettaglio sul metodo ARPA vedi in questo post.

Beh l’interpretazione di M. Douglas è come sempre grandissima, ma andiamo con ordine.

Obiettivo, pubblico e luogo

Per chi non conoscesse il primo film, Gordon Gekko è un finanziere geniale e privo di scrupoli, finito in galera per insider trading. In questo secondo film, ambientato nel 2008, Gekko uscito di prigione scrive un libro per avvisare il mondo finanziario dell’imminente crack che colpirà  l’economia americana e mondiale. Il filmato descrive il discorso pubblico di vendita del libro, quello che gli americani chiamano pitch. Il pubblico è quello che si può trovare in un’Università, siamo in un’aula magna: studenti e personale docente.

Il metodo ARPA

Nel filmato il discorso segue uno percorso retorico che è perfetto per illustrare il metodo ARPA, che ricordo consiglia di concentrarsi sugli obiettivi (e non sugli strumenti) in particolare e nell’ordine:

A attenzione

Per prima cosa devi conquistare l’attenzione. Senza l’attenzione del pubblico è letteralmente inutile proseguire.  Il discorso comincia con queste parole rivolte ai laureandi:

“Siete nella cacca fino alle orecchie. Ancora non ve ne rendete conto, ma siete la generazione dei tre niente: niente lavoro, niente reddito, niente risorse”

In venti secondi l’attenzione è catturata, la tesi espressa, il tutto Il linguaggio si avvicina a quello degli studenti. Wow

R ricordo

L’attenzione è importante ma non basta, devi scegliere con cura cosa deve memorizzare il pubblico.  Douglas da una serie di informazioni finanziarie attraverso esempi di banalità domestica (l’acquisto di una casa, il mutuo, l’indebitamento per i consumi, ecc.) per sostenere la tesi che i consumatori, finanzieri, banche e Stato sono tutti coinvolti nel processo di finanziarizzazione selvaggia dell’economia

P persuasione

Quasi tutti i discorsi hanno un fine persuasivo, ovvero vuoi convincere il pubblico di qualcosa. Gekko si accredita sia ricordando di essere stato un grande finanziere, sia attraverso spiegazioni semplici di cose complesse. In sintesi cerca di persuadere sul fatto che lui sa esattamente cosa sta succedendo.

A azione

Una volta persuaso il pubblico conviene indirizzare in modo chiaro l’azione che a tuo parere è la logica conseguenza. In questo discorso la chiusura è magistrale. Dopo aver parlato del debito come della malattia, il protagonista dice:

“Come possiamo sfruttare questa malattia a nostro favore? Ve lo dico in tre parole: Comprate il mio libro”

(Buy my book)

Come vedi il metodo ARPA può essere usato sia per scrivere che per analizzare un discorso. Perchè non scaricare l’estratto del libro? 

🙂

Ottieni subito un estratto di Davanti a Tutti!
Compila i campi qui sotto per ricevere gratuitamente un estratto del mio nuovo manuale dedicato al Public Speaking.
Legge 675/96 e successive modifiche. Con la richiesta si acconsente all'iscrizione alla newsletter di Davanti a tutti. Sarà possibile annullare l'iscrizione in qualunque momento.

Come parlare di cambiamento

Discorsi sul cambiamento, parla Rabin

Non sono molti, anche tra i politici di livello, quelli che sanno parlare di cambiamento con efficacia. Rabin di sicuro lo sapeva fare. Proseguo con la produzione di video con commenti ai gradi discorsi con l’ultimo discorso di Rabin.

Sotto il suo governo vennero  raggiunti per la prima volta degli accordi di pace con l’OLP. Incontrò un’opposizione feroce da parte dei suoi oppositori interni, tanto feroce che fu assassinato pochi minuti dopo il discorso che troverete nel filmato. Quando si parla di un macro cambiamento le “regole” sono abbastanza semplici:

Continua a leggere

Introversi e public speaking, ne parla Susan Cain

L’introversa e il suo storico successo a TED

Sono molto interessato al tema degli introversi e public speaking, per il semplice motivo che appartengo alla categoria.

Certo, noi introversi proviamo un po’ d’invidia per il godimento che provano molto estroversi quando sono in pubblico, la gioia con cui si preparano e la carica che ricevono dal palco. Sono oltre vent’anni che parlo in pubblico con regolarità, quindi so che è possibile farlo e farlo bene da introverso. Mi dà comunque grande soddisfazione il fatto che Susan Cain, tanto introversa da aver costruito su questa sua caratteristica un sito dedicato, ha tenuto uno dei discorsi più ascoltati di sempre ai TED Talk, l’arena dei migliori oratori mondiali.

Inoltre ha condiviso moltissime illuminanti consigli,ricavati dalla letteratura e interviste,  su come affrontare il pubblico da introverso.

Introversi e public speaking  Continua a leggere

Giorgio Vi parla al pubblico, il discorso che annuncia la guerra

Re Giorgio VI parla al pubblico

Nei filmati che ti propongo oggi, Re Giorgio VI, finalmente parla al pubblico, determinato a tenere alto il morale degli inglesi durante la seconda guerra Mondiale. Nel precedente post grazie a degli spezzoni del film “Il discorso del Re”, abbiamo visto quali esercizi e trucchi furono utilizzati dal coach del sovrano balbuziente.

Vantaggi e svantaggi del discorso radiofonico

In questi due filmati è interessante ascoltare il discorso radiofonico originale dell’annuncio della guerra e la ricostruzione fatta nel film . Quando uno parla al pubblico in radio ci sono difficoltà aggiuntive e qualche vantaggio.

Discorso Originale (in inglese)

Versione cinematografica (in italiano)

La qualità vocale

Continua a leggere

Parlare in pubblico, gestire gli imprevisti

Gestire gli imprevisti: S. Jobs

Gestire gli imprevisti nel public speaking significa; abbandonare la pianificazione e passare all’improvvisazione, senza perdere la calma, né far finta di nulla. Da scrivere è facile, da fare meno, molto meno. Ma intanto un annuncio:

Presentazione


Presso Talent Garden si terranno a gennaio due presentazioni di “Davanti a tutti” e workshop di Public Speaking .
A Milano dalle 18.30:
– 24/1/2017 presso la sede di Via Merano, 16 (clicca qui per prenotare)
– 27/1/2017 Via Arcivescovo Calabiana, 6 (clicca qui per prenotare )


Torniamo agli imprevisti, vorrei mostrarti alcuni esempi positivi e negativi nei prossimi post, cominciamo da un grande delle presentazioni: Steve Job. Oltre ad essere una grande oratore era anche una persona notoriamente irascibile e perfezionista. Diventa così doppiamente interessante vederlo gestire gli imprevisti in questo filmato.

Continua a leggere