Mattarella: il dettaglio nella videocomunicazione

Mattarella usa con maestria il dettaglio nella videocomunicazione

Di solito non commento i discorsi dei politici italiani, mi piace tenere lontane le polemiche dal mio lavoro.

Per una volta mi arrischio, un po’ perché intendo scrivere di un aspetto particolare delle comunicazione video di cui è maestro Mattarella (e non il contenuto), un po’ perché il discorso di fine 2020 di un Presidente è un’occasione molto sfidante per chi deve comunicare. L’ambito è il più formale che esista. La persona, Mattarella, è molto poco espressiva, ciò nonostante riesce a colpire il bersaglio usando la comunicazione periferica, anzi curandone il dettaglio

Ce ne aveva già dato alcuni esempi molto forti. Mentre il linguaggio, il tono pacato e una comunicazione non verbale minimale farebbero pensare ad una scarsa efficacia troviamo nei discorsi del Presidente dei dettagli dirompenti. Prendiamo tre esempi:

Il discorso di fine 2020 del Presidente

A mio parere quest’anno Mattarella ha voluto richiamare tutti gli italiani:

  • a rimboccarsi le maniche,
  • al dovere di fare la propria parte tenendo conto della gravità del momento,
  • e a considerare che siamo “sulla stessa barca”

Tipicamente questi obiettivi hanno bisogno di una comunicazione molto emotiva, da capo popolo, non il ruolo ne lo stile di Mattarella.

La soluzione è stata quella di rompere completamente con la scenografia del passato. Per la prima volta il discorso è stato pronunciato:

  • stando in piedi, perchè il leader quando è l’ora della battaglia non sta seduto, ma si alza è precede l’azione dei follower
  • Con un leggio, per comunicare di aver molto pensato a quello che dice. Non è un’improvvisata, non è un tweet scritto in un momento di raptus, è qualcosa che una persona al comando ha pensato e ponderato lungamente. Che sia un artificio comunicativo e non una necessità la si evince dal fatto che a) non guarda mai i fogli appoggiati e b) quando parla ci sono due gobbi elettronici di fronte a lui (se non ci credi guarda un video sui backstage)
  • Una diversa location “Vetrata” sotto il Torrino e la Loggia d’Onore, dove si svolgono le dichiarazioni durante le consultazioni: non uno spazio privato come lo studio ma un luogo da cui si accede al cortile, un luogo che porta fuori
  • Con la porta aperta,  con questo dettaglio della videocomunicazione ci viene comunicato che è il momento di uscire e agire, non di arroccarsi nel proprio spazio

 

Un grande merito di Mattarella è quello di aver dimostrato e di dimostrare che non solo non è necessario urlareo far gesti estremi per farsi ascoltare ma che anche un introverso con una espressività contenuta può far arrivare il suo messaggio forte e chiaro

Per provare un breve percorso di formazione o coaching di formazione webinar, formazione formatori, public speaking,  scrivimi. Se no puoi sempre leggere un mio manuale dove ho condensato ormai trent’anni vissuti DAVANTI A TUTTI, parlando in pubblico e persuadendo.

Tempo di WEBINAR? Leggi “Zoom sul webinar” puoi trovare il sommario qui: https://lnkd.in/dfEFc8Q e se vuoi acquistarlo (grazie!) puoi scegliere la eLibreria che preferisci ad esempio: Amazon, Zoom sul webinar: Scritto dai formatori per i formatori o IBS

#davantiatutti #zoomsulwebinar #formazione #webinar #parlaredavantiatutti, #publicspeaking parlareinpubblico #formatorionline

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *